E’ tempo di cambiare

Perchè abbiamo deciso di realizzare Experio

Prova Experio

Experio è il frutto di anni di grandi sacrifici e di intenso impegno. Chi ci conosce sa la passione che ha caratterizzato la nascita e lo sviluppo di questo progetto, come anche la determinazione nel volere realizzare qualcosa di radicalmente nuovo.

E’ dunque importante spiegare i motivi che ci hanno portato a mettere a punto Experio. Essi sono sostanzialmente tre. Uno è legato al contesto generale, il secondo a trend specifici del settore in cui lavoriamo, il terzo infine si può ricondurre ad un’esperienza personale.

Viviamo e lavoriamo in una centrifuga

Partiamo dal contesto generale. Stiamo vivendo un momento di grandi cambiamenti: economici, sociali, tecnologici.

Anche il modo in cui lavoriamo sta cambiando: per l’intensità delle pressioni cui siamo sottoposti, per la mole di informazioni che dobbiamo gestire, per la necessità di essere connessi ed operativi (ovunque e comunque). L’urgenza di raggiungere i risultati di business è sempre più forte, in un contesto di crescente competitività.

Quanti di noi, quotidianamente, non provano almeno una volta il desiderio di poter migliorare?
Non è una sensazione personale: aziende e lavoratori si trovano sulla stessa barca, alla ricerca di un continuo miglioramento di risultati, competenze, motivazione.

Nuovi paradigmi per l’apprendimento

E veniamo a quanto sta succedendo nel settore in cui lavoriamo, quello della formazione (con particolare attenzione alle tecnologie e alle metodologie applicate ad essa).
In un contesto come quello sopra descritto, la formazione e la tecnologia divengono gli elementi chiave per il successo di un’azienda e dei suoi dipendenti.

L’industria dell’e-learning dopo più di un decennio di stallo tecnologico sta vivendo un periodo particolarmente ricco di iniziative volte a dare nuovo fondamento tecnologico al settore per i prossimi 10-20 anni (e anche oltre). La nascita di Experience Api sta portando gli operatori del settore a ripensare radicalmente i paradigmi della formazione. xAPI non è la sola novità. Open Badges e altre iniziative simili arricchiscono e rendono più robusto il movimento lasciando presagire che xAPI travalicherà presto i confini dell’e-learning.

Le tecnologie per la condivisione delle informazioni (anche in mobilità), l’Internet delle cose, la comunicazione di prossimità offrono possibilità sino a ieri impensabili.

Una calda giornata a Milano

Contesto generale e condizioni di un settore specifico non sarebbero state  sufficienti. E’ stata un’esperienza personale a dare l’impulso decisivo alla creazione di Experio.

Sei anni fa io e Andrea abbiamo creato una società che aveva come obiettivo primario utilizzare la tecnologia mobile per innovare il modo in cui aziende e organizzazioni condividevano le informazioni, facevano formazione, fruivano la reportistica. Avevamo faticosamente ideato una soluzione che collegava i diversi ambiti ma mancava un collante forte che consentisse di far parlare tra loro questi tre mondi (collaborationtraining e analytics).

Eravamo ancora intenti a ricercare questo ingrediente segreto, quando, ormai quasi 4 anni fa, partecipai ad un evento a Milano in cui due protagonisti del nascente standard Experience Api (allora si chiamava Tin Can Api) raccontarono le potenzialità di tale specifica e provarono a disegnare alcuni scenari futuribili.

Fu una vera folgorazione. Ecco il “linguaggio” universale che poteva consentirci di unire i nostri tre mondi. Ecco la “grammatica” che poteva tradurre tutto quanto succedeva all’interno di un’organizzazione. Ecco il segreto per cucinare al meglio ingredienti molto diversi tra loro.

La folgorazione e l’entusiasmo non ci fecero trascurare che c’erano ancora molti elementi da mettere a fuoco, molta strada ancora da fare. Ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo studiato, sperimentato, interpretato, analizzato, tutto quanto avveniva nel mondo su questa frontiera tecnologica, cercando di applicare buon senso ed esperienza in modo da trasformare idee e principi in qualcosa di concreto.

Da qui è nato Experio. E mi accorgo, proprio mentre sto scrivendo, che alla base del nostro Experio ci sono due elementi che rendono unici l’essere umano: la propensione a migliorare e la capacità di trasformare le esperienze in conoscenza.

Ora avete capito perchè è nato Experio. Il resto del sito vi racconda cos’è e come funziona.
Buona lettura. Anzi, buona esperienza.

A questo punto dovremmo averti incuriosito. Il prossimo passo che ti chiediamo di fare è di toccare con mano il metodo Experio.

Prova Experio